Hashtag migliori per Instagram: ti svelo la mia “formula magica”

0
306

Quello che stai per leggere non è il solito post contenente un interminabile elenco di migliori hashtag per Instagram.

Scegliere gli hashtags più popolari per Instagram potrebbe non essere la strategia migliore. Soprattutto se il tuo profilo Instagram non ha ancora raggiunto la notorietà necessaria.

hashtag Instagram

Ostinarsi ad inserire nelle foto gli hashtags migliori potrebbe rivelarsi non solo inutile, ma anche controproducente.

Pensaci un attimo.

Che senso ha metterti in competizione con profili affermati, andando ad inserire hashtags molto popolari? La verità è che per creare un gruppo di # perfetto bisogna prima di tutto capire come fare a crearlo.

E’ allora arrivato il momento di svelarti la formula magica per creare un gruppo di hashtags perfetto per il tuo profilo Instagram.

Segui con attenzione questo articolo perché al termine della lettura avrai finalmente capito come sfruttare un elemento così importante su Instagram. Dopo averti svelato la formula ti segnalerò alcune risorse per generare i migliori hashtags per Instagram a seconda della tua nicchia. Prima però è necessario che tu comprenda bene il meccanismo.

Sei pronto? Cominciamo.

A cosa servono gli hashtags su Instagram

La prima domanda che dobbiamo porci è: a cosa serve scegliere i migliori hashtags per Instagram? Attenzione, ho detto migliori, non più popolari. La differenza la comprenderai tra poco.

La sezione degli hashtags su Instagram è molto importante perché permette alle tue foto di essere trovate da utenti interessati all’argomento che tratti. Creare un gruppo di # perfetto non ti farà svoltare dal punto di vista della visibilità. Non credere a chi afferma il contrario. La realtà è che gli hashtags su Instagram rappresentano il 15% della visibilità.

Quindi scegliere i migliori hashtags non ti permetterà di aumentare esponenzialmente i mi piace su Instagram, ma ti consentirà di ottenere tanti likes di qualità, provenienti da profili potenzialmente molto interessati a ciò di cui parli. D’altra parte, come avrai certamente notato, ci sono un sacco di profili che gli hashtags non li utilizzano per nulla. Nonostante questo però ottengono vagonate di mi piace. Perché?!?

A cosa NON servono gli hashtag su Instagram

Gli hashtags non servono se il tuo scopo è fare diventare virali i tuoi post su Instagram. Sfatiamo questo mito una volta per tutte!

Per raggiungere questo obiettivo sarà necessario adottare strategie più avanzante. Come il Like Bombing ad esempio. Ma di questo abbiamo già parlato.

Generare un gruppo di hashtags perfetto per i tuoi contenuti, tuttavia, ti permetterà di ottenere visibilità targettizzata ed è questa la vera ragione per cui ti consiglio di impegnarti nel realizzarne uno a regola d’arte. Ma adesso è arrivato il momento di svelarti la formula.

La formula magica per creare un gruppo di hashtags perfetto

Come probabilmente sai, Instagram ti permette di inserire un massimo di 30 hashtags per ogni singola foto (o video ovviamente). L’obbiettivo è rendere i post raggiungibili da utenti interessati ai tuoi contenuti ed ottenere il massimo della visibilità possibile.

Quello che probabilmente non sai è che gli hashtags tra gli addetti ai lavori sono divisi in 3 macro categorie:

  1. PICCOLI
  2. MEDI
  3. GRANDI

Questa classificazione è fondamentale perché contiene in sé il segreto. La formula magica che da ora in poi applicherai anche tu nei tuoi gruppi di hashtags è la seguente. Sceglierai 10 hashtag #piccols, 10 #medi e 10 #grandi. A volte sono le cose più semplici ed in apparenza ovvie a garantire i risultati migliori. Perché 30? Beh è molto semplice, perché 30 è proprio il limite imposto da Instagram.

Un trucco per inserire 60 # nelle tue foto

In realtà esiste un trucchetto che ti permette di inserire il doppio degli hashtags consentiti da Instagram. Ecco come procedere in tre passi.

  1. Pubblica la foto con didascalia ma senza #
  2. Inserisci 30 hashtags nel primo commento
  3. Modifica la caption aggiungendo altri 30 hashtags

Hashtag piccoli, medi e grandi. Ecco come riconoscerli

Ma come fare per distinguerli? Gli hashtags piccoli sono quelli che generano un volume da 0 a 999.000 post pubblicati. Un hashtag è definito di media grandezza quando il volume è compreso tra 1 e 5 milioni di post. Gli hashtags grandi su Instagram sono quelli dai 5 milioni di post in su.

Una finezza per la scelta delle # piccole

Per essere ancora più precisi, e mi riferisco in questo caso solo alla scelta degli hashtags piccoli, dove targettizzare è più importante, puoi tenere in considerazione le dimensioni del tuo profilo. Questa è una finezza, non strettamente necessaria. Abbi fede, ora cerco di spiegarmi meglio.

Diciamo che gestisci un profilo travel con 5.000 followers. Il numero dei tuoi followers servirà come punto di rifermento per cercare di cucire il più possibile su misura del tuo profilo questa formuletta magica. I 10 hashtags più targettizzati dovrebbero avere un volume compreso tra i 400k e i 600k post. In pratica si tratta di prendere come riferimento il numero dei tuoi follower e moltiplicare per 100.

Io personalmente non sono così rigido e fiscale, la formula viene tramandata di generazione in generazione di instagrammers, mi sembrava doveroso restare fedele all’originale 😉

Quali benefici porterà la formula magica sulle tue foto

Utilizzando questa combinazione di hashtags: 10 grossi, 10 medi e 10 piccoli creerai i presupposti per far si che questa formula compia la sua piccola magia.

Ecco quello che accadrà nella pratica. Entrerai con relativa facilità tra i popolari degli hashtags #piccoli. Ciò ti porterà due benefici. Uno a breve, l’altro a medio termine.

Finendo nei popolari degli hashtags #piccoli, l’algoritmo Instagram capirà che il contenuto che hai postato è di qualità. Questo ti spalancherà le porte ad una buona % di visibilità organica, che successivamente ti permetterà di entrare nei popolari anche degli hashtags #medi e con un pizzico di fortuna, anche in quelli #grandi.

Tanti snobbano gli hashtag piccoli e commettono un grande errore. Prima ti avevo parlato di due vantaggi. Il primo te lo svelato, l’altro era a medio termine ed ora ti spiego cosa intendevo.

Quando anche tu finirai nei popolari degli hashtags piccoli ti renderai conto che i tuoi post rimarranno in alto, tra i 9 più popolari su Instagram, non per poche ore, ma per giorni, almeno un paio. Questa è tutta visibilità gratis che continuerai ad ottenere anche svariate ore, anzi giorni, dopo la pubblicazione.

La formula magica messa in pratica

E’ arrivato il momento più importante: mettere in pratica la formula ed ottenere il primo gruppo di hashtags. Questa prima operazione la farò io per te, per renderti tutto il più chiaro possibile e soprattutto, replicabile senza troppo stress.

I primi 10 hashtags che scegliamo sono quelli grandi. Ricordi? Sono quelli sopra i 5 milioni di post pubblicati su Instagram.

La procedura più semplice è quella di accedere tramite desktop ad Instagram. Nella casella di ricerca inserisci l’hashtag principale della tua nicchia. In questo caso prendiamo ad esempio la categoria #travel, così di moda sul social quest’anno.

grandi

Come vedi la casella di ricerca di Instagram ti restituisce un elenco ordinato dal più popolare al più piccolo. In questo caso i primi hashtags della lista sono di grandi dimensioni, tu non dovrai fare altro che creare un primo elenco da 10 #hashtags grandi e salvarlo su un blocco note.

#travel #travelgram #traveler #traveller #travelling #traveling #travelingram #travelphotography #travelphotography #trip

Il Secondo elenco che andrò a creare è formato da hashtags di media grandezza, quelli compresi da 1 a 5 milioni di post. Anche in questo caso è tutto abbastanza semplice. Usa come riferimento l’hashtag #travel, scorri l’elenco che ti propone Instagram è scegli gli hashtags che ti sembrano più adatti al tuo profilo, delle dimensioni che ti ho appena indicato

#traveltheworld #travels #travelstoke #travelphoto #travelbug #travelblogger #traveladdict #travellife #traveldiaries

medie

 

Siamo giunti all’ultima parte del lavoro, come vedi ci abbiamo messo relativamente poco. Ora passiamo agli hashtags piccoli, quelli sotto al milione di post pubblicati su Instagram. L’operazione è la medesima, continuiamo a scorrere l’elenco sino ad intercettare il target desiderato.

#travelph #travelers #traveldiary #travelingindonesia #travelnoire #travelpic #travelbag #travelbuddy #travelagent #travellover

piccole

Ed eccolo finalmente il nostro primo gruppo di hashtags realizzato secondo la formula magica

#travel #travelgram #traveler #traveller #travelling #traveling #travelingram #travelphotography #travelphotography #trip #traveltheworld #travels #travelstoke #travelphoto #travelbug #travelblogger #traveladdict #travellife #traveldiaries #travelph #travelers #traveldiary #travelingindonesia #travelnoire #travelpic #travelbag #travelbuddy #travelagent #travellover

A questo punto il tuo gruppo di hashtags è pronto per essere utilizzato. Ti consiglio di creare almeno 3 gruppi e di farli ruotare nel corso della settimana. Personalmente ti suggerisco di non utilizzare quello che ho appena realizzato. In primo luogo perché verosimilmente verrà utilizzato da tutti gli utenti che leggeranno questo articolo, secondo si tratta di un elenco molto generico.

Dove inserire gli hashtag nei tuoi post

Per quanto riguarda l’inserimento degli hashtags nei post, esistono due scuole di pensiero. C’è chi preferisce inserire gli # nel primo commento, in maniera tale da rendere più ordinata la descrizione, chi come il sottoscritto, preferisce inserirli direttamente della caption (o didascalia). La ragione è molto semplice, dal mio punto di vista Instagram potrebbe attribuire una maggiore rilevanza agli hashtags inserite direttamente nella descrizione. I test che sto effettuando sembrerebbero darmi ragione, a te la scelta finale.

Lo spettro dello Shadow Ban

Shadow Ban Instagram

Recentemente ho scritto un lungo articolo dedicato allo Shadow Ban che ti suggerisco di leggere se non l’hai ancora fatto.

Si tratta di una penalizzazione adottata dall’algoritmo di Instagram e che va a colpire i profili proprio nella sezione hashtags. Il contenuti pubblicati del profilo affetto da Shadow Ban non compaiono nella sezione hashtags.

Per tutelarsi da questa infida penalizzazione è necessario adottare alcune contromisure. In primo luogo ti consiglio di variare gli hashtags, evita di pubblicare sempre gli stessi. Stai alla larga dagli hashtags che Instagram ritiene spammosi come #follow4follow #like4like e compagnia cantando.

Lo so, in rete hai letto molte guide che ti suggeriscono questi hashtags per aumentare i followers e i mi piace su Instagram. La verità è che nella migliore delle ipotesi non servono a nulla. Se ti dice male, invece, rischi di beccarti una penalizzazione.

Hashtags per farsi bannare da Instagram

Ho letto recentemente una guida che mi ha fatto accapponare la pelle. L’esperto della situazione suggeriva tra i gruppi di hashtags anche una sezione dedicata agli hashtags per ottenere followers. Ecco se utilizzerai quelle # molto probabilmente verrai penalizzato da Instagram perché alcuni hashtags sono ritenuti spam dal social.

Ora che abbiamo analizzato nel dettaglio come creare un gruppo di # perfetto, è arrivato il momento di segnalarti alcune risorse per generare gruppi di hashtags.

Generatore di hashtag per Instagram

Generatore Hashtags Instagram

In rete troverai una marea di generatori di hashtags per Instagram. Io solitamente utilizzo all-hashtag.com

 

Non scordare la formula

Il generatore andrà a creare gruppi di hashtags popolari per Instagram. Recentemente sono state introdotte anche altre due tipologie di ricerca: random, oppure live. Queste ricerche ti aiuteranno a scovare hashtags che difficilmente avresti trovato attraverso una semplice ricerca su Instagram.

Ricordati però la formula! Il tuo gruppo dovrà contenere  # piccoli, medi e grandi. E’ fondamentale creare un raggruppamento omogeneo, soprattutto se il tuo profilo Instagram non è ancora affermato.

Conclusioni

In questo articolo hai finalmente scoperto come creare i migliori gruppi di hashtag per Instagram. A differenza di tutte le guide che hai letto in precedenza, qui siamo partiti da una presupposto fondamentale. Scegliere gli hashtags più popolari per Instagram non è la strategia migliore.

Per ottenere il massimo da questa fondamentale sezione dovrai creare un gruppo di hashtags omogeneo che contenga # piccoli, medi e grandi.

Per cercare gli hashtag puoi sfruttare direttamente Instagram inserendo “cancelletto” (#) e nome della tua nicchia. Se desideri effettuare una ricerca più approfondita puoi sfruttare uno dei tanti generatori di hashtags presenti in rete.

Dubbi, domande? Scrivili nei commenti. Le mie risposte serviranno a te e a tutti i lettori che verranno dopo.

Alla prossima!

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here