Lo Shadow Ban su Instagram: che cos’è e come uscire dalla penalizzazione

12
5184

Questa mattina ho deciso di affrontare un tema caldo su Instagram. Mi riferisco allo Shadow Ban, ultimo spauracchio di influencer e fotografi. Scoprirai che cos’è questa nuova penalizzazione, come agisce e come fare per uscirne.

Attenzione perché l’articolo è stato aggiornato con nuovi elementi utili all’argomento trattato.

Shadow Ban Instagram
Photo Credit PetaPixel.com

La prima volta che ho sentito parlare dello Shadow Ban è stato durante una conversazione con un mio cliente, uno dei fotografi wedding più conosciuti in Italia.

Per la cronaca; oltre al servizio di coaching, offro anche la gestione completa di  un account, finalizzata alla crescita esplosiva sul social network dedicato alle immagini. A proposito, hai letto la mia guida su come aumentare i followers Instagram?

By the way, torniamo a noi.

Roberto mi contatta molto preoccupato e mi avverte di una minaccia su Instagram: lo Shadow Ban. Si tratterebbe di una nuova penalizzazione dell’algoritmo che colpisce i profili business.

Cos’è esattamente questa nuova penalizzazione del social

I contenuti pubblicati dagli account colpiti dallo Shadow Ban diventano praticamente invisibili agli utenti Instagram. Da qui il nome della penalizzazione e nel caso non l’avessi capito il fantasma sei tu, anzi il tuo profilo Instagram.

Ma per quale ragione Instagram dovrebbe decidere di penalizzare in maniera così pesante un profilo? C’erano alcuni aspetti in questa storia da chiarire e per questa ragione ho deciso di mettermi alla ricerca di informazioni attendibili.

Da inguaribile ottimista quale sono, ho cominciato la mia ricerca in italiano. Tuttavia, ben presto sono stato costretto a ricorrere ai risultati di ricerca in lingua inglese. Ed è stato proprio in quel momento che ho fatto un paio di scoperte molto interessanti.

Il primo aspetto da sottolineare è che lo Shadow Ban è un piccolo bastardello. E già perchè il proprietario del profilo colpito dalla penalizzazione non si rende assolutamente conto di nulla. L’utente continua a vedere le sue foto nella sezione dedicata alle hashtags. L’unica cosa che nota è un calo dell’engagement.

Come agisce lo Shadow ban sul tuo profilo Instagram

Lo Shadow ban limita il suo raggio di azione alla sezione delle hashtags. Le immagini pubblicate dai profili colpiti dalla penalizzazione non sono più visibili nella sezione hashtags dagli utenti che non seguono il profilo.

Riassumendo.

  1. La penalizzazione opera solo nella sezione hashtags
  2. Coinvolge solo gli utenti che non ti seguono

Ho voluto sottolineare questi due aspetti perché sono fondamentali per capire l’entità della minaccia. Che non è poi così terrificante come viene dipinta.

Lo Shadow ban infatti, non va inteso come un ban tradizionale. Quando un profilo subisce una penalizzazione del genere da parte di Instagram, solitamente scompare letteralmente dal social network,  perdendo il 100% della visibilità. Questo non è il caso dello Shadow ban.

Cosa dice Instagram a proposito

Leggi attentamente come si è espresso Instagram sull’argomento.

Comunicato Instagram
Photo credits petapixel.com

 

Viste le numerose segnalazioni, a me pare un po’ nebulosa come risposta. Non credi? A mio parere Instagram avrebbe dovuto offrire qualche elemento utile in più per scongiurare la minaccia numero uno. Quale?

Pensaci bene…

Instagram come monetizza? Attraverso la pubblicità. E qual’è il prerequisito fondamentale per accedere al suo servizio di advertising? Possedere un profilo aziendale, ovviamente. E se per uscire dallo Shadow ban potrebbe rivelarsi utile tornare ad un profilo personale chi né pagherebbe le conseguenze? Non ci vuole un neuroscienziato per capirlo.

Ed ora cerchiamo di scoprire insieme come fare a capire se siamo stati colpiti dallo Shadow Ban e come fare per uscire dalla penalizzazione.

Come scoprire se sei stato colpito dallo Shadow ban

Abbiamo detto che la penalizzazione va ad agire nella sezione dedicata alle hashtags. L’utente non si accorge di nulla sino a quando è loggato con il suo account, quindi la prima cosa da fare e effettuare il login ad Instagram con un altro profilo, meglio ancora da altro device.

Non guardare la sezione popular perché quella cambia in continuazione, sopratutto se l’hashtag che stai monitorando è molto popolare. E’ tra i contenuti recenti che dovrai cercare la tua foto. Se in quella sezione non riuscirai a trovarla, allora significa che il tuo profilo Instagram è stato colpito dallo Shadow ban.

Non fidarti dello Shadow Ban Tester

Nella mia ricerca venerdì scorso mi sono imbattuto su un sito che assicura di essere in grado di stabilire se un profilo è stato colpito dallo Shadow ban. Il sito web in questione è shadowban.azurewebsites.net 

Funziona in maniera molto semplice. Ci sono due campi da completare. Per effettuare il test puoi inserire il nome del profilo, oppure il link dell’ultima foto che vuoi controllare. Ovviamente il primo profilo che ho controllato è stato il mio. Ho tirato subito un gran bel sospiro di sollievo, a quanto pare @morethanphuket non è stato colpito dalla penalizzazione.

Shadow Ban Tester

I problemi sono arrivati quando ho cominciato a testare i profili dei nostri clienti. Molti di essi sembravano sono risultati positivi. A me però i conti non tornavano. I risultati del test non trovavano riscontro nella realtà dei fatti, nessun calo di engagement dei profili colpiti dallo Shadow ban, anzi.

E allora ho deciso di controllare personalmente ed è stato proprio grazie a questa banale verifica che ho capito quanto lo Shadow Ban Tester fosse inattendibile. E’ stato sufficiente controllare la sezione delle hashtags per ritrovare tutti i profili dei miei clienti presenti con le loro foto, recentemente pubblicate. Solo uno è risultato effettivamente colpito dalle penalizzazione.

Shadow Ban Test positivo
Photo Credit petapixel.com

Quindi se facendo il test dovesse comparire questa schermata, prima di fasciarti la testa effettua tu stesso una ricerca. Ricordati di sloggarti dal tuo account prima!

Come uscire dallo Shadow Ban

Quella che trovi sotto è una selezione dei rimedi più efficaci che ho scovato per te in rete, principalmente su siti in lingua inglese. Questa penalizzazione sta diventando una vera e propria ossessione per tantissimi utenti di Instagram.

Effettua il login con altro indirizzo IP

Il primo rimedio che puoi adottare è quello di sloggarti dal tuo account Instagram ed effettuare il login con un altro indirizzo IP. Prima di fare ciò ti suggerisco di dare una bella pulita ai cookies utilizzando una delle tante app presenti sugli store. Io utilizzo Power Clean per IOS.

Segnala il problema ad Instagram

La cosa più semplice ed immediata che puoi fare è segnalare il problema ad Instagram. Non aspettarti una risposta immediata, anzi non aspettarti proprio alcun tipo di risposta. Esiste una remota possibilità che un addetto valuti il tuo profilo e, qual’ora ritenga sia vittima di una penalizzazione ingiusta, la rimuova.

Torna al profilo personale

All’inizio dell’articolo abbiamo scoperto che le vittime predilette dello Shadow Ban, per ragioni che sfuggono all’umana comprensione, sono i profili aziendali. La seconda contromossa da adottare, dunque, è tornare ad un profilo personale.

Ti sarà sufficiente entrare nelle impostazioni del tuo account e selezionare la voce: “Torna all’account personale“.

Shadow Ban Instagram
Photo credits Instaworld.it

 

Tranquillo perché si tratta di un processo assolutamente reversibile, potrai tornare al profilo aziendale quando vorrai. Attenzione però perché perderai gli insights di Instagram ed anche le eventuali promozioni in corso saranno annullate.

Smetti di utilizzare i BOT

Qualcuno ha ipotizzato che potesse esserci un nesso tra lo Shadow Ban e la recente chiusura di Instagress, il BOT per Instagram più conosciuto sul web. Personalmente non credo esista una connessione, ad ogni buon conto, se il tuo profilo è stato colpito dallo Shadow Ban, stoppare i BOT che stai utilizzando potrebbe essere un’idea intelligente.

Sospendi le operazioni su Instagram

Un altro rimedio da testare potrebbe essere quello di stoppare le attività su social. Attenzione, non mi riferisco alla pubblicazione, ma piuttosto a tutte quelle operazioni che esegui quotidianamente per aumentare engagement e seguaci su Instagram.

Via le hashtags dal primo commento

Riprendiamo il nostro viaggio alla ricerca di rimedi validi per uscire dallo Shadow ban. In questi ultimi giorni ne ho lette e sentite di tutti i colori. alcune soluzioni sono talmente campate in aria e potenzialmente pericolose per il tuo profilo Instagram, che non mi sembra neppure il caso di parlarne.

Un rimedio suggerito e che mi sento di promuovere anche io è quello di eliminare le hashtags dal primo commento. Spesso si adotta questa strategia per una questione stilistica, altri invece lo fanno per sfruttare il trucco che ti permette di inserire 60 hashtags invece che 30. Qualunque sia la ragione, comincia a inserire le # nella descrizione, esattamente dove dovrebbero stare.

Crea nuovi gruppi di hashtags

Un’altra buona idea consiste nel creare nuovi gruppi di hashtags. Questo è un remind che mi faccio da solo perchè anche il mio profilo, benché non sia colpito da Shadow ban, avrebbe bisogno di hashtags differenti rispetto ai 3 gruppi che faccio ruotare ormai da mesi.

Revocare l’accesso ad applicazioni esterne

App autorizzate Instagram

Tra le soluzioni più sensate che ho trovato in rete, quella che ti sto per presentare ora merita una menzione particolare. Il suggerimento consiste nel revocare l’accesso al tuo profilo Instagram ad applicazioni esterne.

Recati nelle impostazioni del tuo profilo, seleziona la voce “App autorizzate” e revoca gli accessi. Mi rendo conto che alcuni tools potrebbero essere strumenti utili per il tuo lavoro. Potrai sempre autorizzarle in un secondo momento, qual’ora la modifica non producesse gli effetti desiderati. Vale assolutamente la pena di tentare.

Disattiva temporaneamente il tuo account

Siamo arrivati all’ultimo rimedio che potrebbe rivelarsi utile per uscire dallo Shadow Ban. Una soluzione tanto drastica quanto efficace. Si tratta, in definitiva, di disattivare temporaneamente il tuo profilo Instagram.

La procedura è semplice ma ricorda che potrai effettuarla solo una volta alla settimana. Accedi al tuo account da desktop e seleziona la prima voce: “Modifica profilo”. In basso a destra vedrai una scritta celeste “Disabilita temporaneamente il mio account

disabilita account Instagram

Clicca sul link e avrai accesso ad una nuova schermata. Inserisci la ragione per la quale desideri disattivare il tuo account Instagram, inserisci la password, clicca sul bottone rosso ed il gioco è fatto.

Conclusioni sullo Shadow ban di Instagram

In questo articolo ti ho parlato dello Shadow ban, una nuova penalizzazione introdotta da Instagram che sembra colpire i profili business, specie quelli dei fotografi. Abbiamo scoperto esattamente di cosa si tratta.

  • Lo Shadow è una penalizzazione che rende invisibili i contenuti nella sezione hashtags.
  • Per scoprire se sei stato colpito devi effettuare la ricerca con altro account.
  • Non fidarti dello Shadow Ban Tester

Per uscire dallo Shadow ban potrebbe rivelarsi utile adottare una serie di contromisure. Le ho elencate in ordine di complessità: dal rimedio più semplice a quello più drastico.

  1. Effettua il login con un altro indirizzo IP
  2. Torna ad un profilo personale
  3. Segnala il problema ad Instagram
  4. Smetti di utilizzare i BOT
  5. Stoppa la tua attività sul social
  6. Elimina le hashtags dal primo commento
  7. Crea nuovi gruppi di hashtags
  8. Revoca l’accesso ad App esterne
  9. Disabilita temporaneamente i tuo account

A questo punto mi farebbe piacere sapere la tua. Il tuo account è stato colpito dalla Shadow ban? I rimedi che ho elencato ti sono serviti? Ci sono altri suggerimenti che vorresti darci? Ti aspetto nei commenti!

Alla prossima!

 

12 Commenti

  1. Ciao Luca, per quanto tempo bisognerebbe lasciare l’account disattivato per avere qualche possibilità di uscire dallo shadow ban? Grazie!

    • Ciao Alessandro,

      Direi una settimana almeno. Prima però accertati di essere davvero sotto penalizzazione e poi, prima di passare alle soluzioni drastiche, prova a seguire gli altri suggerimenti che ho elencato nel post.

  2. Ciao Luca, innanzitutto grazie del testo.

    Diciamo che passo al profilo personale. Nel caso che si ritorni al profilo aziendale quei Insights che c’erano prima basate sui posts precedente alla migrazione al profilo personale rimangono gli stessi o si cancella per completo tutti insight precendenti?

    Un’altra domanda. Non hai trovato nulla che collega eventuali cancellazione delle foto con Shadow Ban?
    Grazie!

  3. Ciao Luca,

    recentemente ho creato un account dedicato al mondo della barba, il primo post di presentazione è andato bene, ma dal secondo in poi ho subito la penalizzazione, non comparendo nella sezione hashtag.
    Il profilo però non è aziendale.
    Ho pensato di avere il mio IP in blacklist, ma gli altri account che gestisco vanno alla grande e non hanno subito questa penalizzazione, potrebbe essere che ho addirittura il mio telefono in blacklist e gli altri profili vanno bene perchè creati su altro dispositivo, nonostante li stia usando col telefono nuovo?

    Ti ringrazio anticipatamente!

    Alberto

    • Ciao Alberto, addirittura IP o Telefono in blacklist? No dai, tendere ad escludere questa ipotesi. Nell’articolo offro tutta una serie di suggerimenti, dal più semplice al più invasivo. Prova a seguirli e fammi sapere come è andata.

      Luca

      • Mi rimane da disattivare l’account, le altre opzioni le ho già provate.
        Ad ogni modo ti ringrazio per la celere risposta e ti farò sapere.

        Grazie mille e buon lavoro!

  4. Interessante e utile. Ho attuato alcune delle tue mosse, ma la situazione non cambia. Benché sempre in attivo, ho ricevuto un sostanziale drop dell’engagement e del numero dei followers. Davvero non so piú che pesci pigliare

    • Ciao Ale,

      L’unica è mettere in pratica tutte le contromosse suggerite nell’articolo, compresa la più drastica, ovvero disattivare per una settimana l’account.

      Luca

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here