Instagram, il nuovo algoritmo che penalizza i commenti corti è una bufala

0
659

Da qualche giorno su Instagram è cominciata a circolare una voce, secondo la quale un nuovo aggiornamento dell’algoritmo penalizzerebbe i commenti corti. In questo articolo ti spiego perché ritengo che si tratti di una bufala e quali sono, invece, le vere novità che riguardano Instagram.

Instagram algoritmo commenti

Quando ho cominciato a scrivere si questo blog, l’idea era quella di offrire un sito diviso su tre livelli, principiante, intermedio ed esperto. Il punto è che scrivere articoli del tipo: come funziona Instagram mi annoia terribilmente per questa ragione, consapevole che così mi perderò per strada qualcuno, ho deciso di pubblicare solo articoli interessati per chi ha un minimo di esperienza con il social network dedicato alle immagini.

E quello che sto scrivendo è il più classico dei post per “addetti ai lavori”. Ma veniamo a noi. Se anche tu come me partecipi attivamente su dei Direct Group Instagram, probabilmente ti sarai imbattuto nel messaggio di un utente, che avvisa gli altri membri di un aggiornamento dell’algoritmo di Instagram. Questo update riguarderebbe i commenti, gli sviluppatori avrebbero introdotto un aggiornamento che penalizza quelli corti. O meglio ad essere penalizzati sarebbero i post (foto o video) che ricevono commenti troppo corti.

Sempre nelle stesso messaggio viene spiegato che, da ora in poi, sarà necessario scrivere commenti formati da almeno 3 parole, e comunque, a senso compiuto. In tanti hanno cominciato a diffondere questo messaggio. Ed io che ho un caratteraccio mi sono alquanto innervosito per la faciloneria con cui certi utenti sono pronti a bersi la qualunque, senza neppure attivare il cervello.

Mi sono messo alla ricerca dell’autore di quella che, nel frattempo, ha assunto sempre di più i connotati di una catena di Sant’Antonio. Finalmente individuata la fonte, ho cercato di capire dove avesse letto questa incredibile notizia riguardo Instagram. La risposta, come preventivabile, è stata “non lo so, in giro”. Che tradotto significa me la sono inventata.

Perché avrà diffuso questa stupidaggine? Probabilmente perché non ama i commenti corti. Esattamente come me, probabilmente li ritiene spammosi e di scarso valore. Questo però non giustifica la bugia.

Ovviamente nulla di eclatante, di ciarlatani e fancazzari il web è pieno. A te che mi stai leggendo rivolgo una preghiera. Ti scongiuro, non correre dietro a tutte le sciocchezze che trovi su Instagram. Qualsiasi novità o aggiornamento va prima assolutamente testata, perchè stravolgere la propria strategia sulla base di dicerie è estremamente pericoloso.

Ribadisco, anche io non amo i commenti del tipo: “nice” “woo” eccetera. Quando posso cerco sempre di lasciare traccia del mio passaggio in maniera tale da offrire un minimo di valore aggiunto. Questo non significa, però, che Instagram abbia introdotto un aggiornamento per colpire gli spammer.

Anche perchè chi vuole continuare ad usare Instagress o simili – perchè è di questo che stiamo parlando – da ora in poi potrebbe semplicemente programmare commenti con tre parole, non ci vuole mica uno scienziato. Quindi escluderei senz’altro un’azione del genere da parte di Instagram.

Comunque, in questi giorni qualcosa di nuovo Instagram l’ha introdotta per davvero. Si tratta dello zoom, funzione della quale io non sentivo una grande esigenza, ma tant’è. Questa novità doveva essere disponibile solo per Ios, io l’ho testata con mio HTC Android e funziona benissimo.

Questo è tutto, alla prossima!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here