Blocchi temporanei Instagram: da cosa dipendono e come superarli

0
419

Nel post di questa mattina ho deciso di rispondere a tutte le richieste che quotidianamente ricevo riguardo ai blocchi temporanei Instagram. Scopriamo insieme da cosa dipendono e come superarli.

Sei pronto? Si comincia 🙂

blocchi temporanei Instagram

Quando il 26 giugno 2016 scrissi un articolo sui limiti Instagram, non mi sarei mai immaginano che quello sarebbe diventato il post più letto sul blog.

Quali sono i limiti su Instagram nel 2017

Nel corso dei mesi ho ricevuto decine e decine di commenti ed altrettanti messaggi privati sull’argomento.

In quel famoso articolo spiegavo quali erano i limiti di Instagram e cosa rischiavi se li superavi. Da allora di acqua sotto i ponti ne è passata parecchia. In questo anno e mezzo ho offerto tantissime consulenze ed ormai da mesi gestisco gli account Instagram di numerose aziende ed influencer.

Alla luce dell’esperienza maturata il mio punto di vista sull’argomento è leggermente cambiato rispetto al 2016

In quel famoso articolo facevo riferimento alla documentazione di Instagram API, dove tutt’oggi vengono indicati i seguenti limiti orari.

  • 60 like orari
  • 60 commenti orari
  • 60 follow orari
  • 60 unfollow orari

Nulla è cambiato da allora, i limiti restano sempre quelli. Nella mia esperienza sul campo, tuttavia, ho potuto constatare che queste soglie sono facilmente superabili. Specie quando di stratta di likes e follow. Attenzione invece ai commenti, Instagram in questo caso è molto rigido e tende a bloccare e bannare con facilità chi adotta tecniche troppo spregiudicate.

Quindi se è vero che il numero di operazioni orarie consentito sono sempre le stesse, 60, è altrettanto evidente che il social network considera alcune operazioni più invasive di altre.

Poco fa ti spiegavo che queste soglie sono tranquillamente aggirabili. Ciò vale soprattutto per i likes e per le operazioni di follow/unfollow.

Sino a dove ti puoi spingere

Partiamo con l’operazioni di follow/unfollow, le più utilizzate perché alla base di molte strategie per aumentare i followers su Instagram.

Instagram ti permette di eseguire 1000 operazioni di follow e altrettante di unfollow nell’arco della giornata. L’importante è non superare le 150/170 operazioni nell’arco di un’ora. Sopra questa soglia il rischio di essere bloccati è dietro l’angolo.

Anche i limiti orari relativi ai likes sono facilmente superabili. Utilizzando MassPlanner mi sono spinto sino a 2500 likes durante la giornata senza essere bloccato.

Questo non significa che tu debba fare lo stesso. Ricorda sempre di non esagerare col numero di operazioni orarie. 200 likes in un’ora sono una soglia che ti suggerisco di non superare.

Per quanto concerne i commenti, invece, ti suggerisco di andarci cauto. Instagram ha recentemente dichiarato guerra ai commenti spam. Proprio i commenti inappropriati sono una delle principali fonti di segnalazione da parte degli utenti. In questo caso, quindi, ti consiglio di attenerti ai limiti di Instagram.

Nota a margine. Mi raccomando, non utilizzare automazioni per i commenti. Piuttosto utilizza i gruppi. Anzi, già che ci siamo ti invito in quello che io ed il mio team abbiamo creato su Telegram.

Nel giro di una settimana conta già quasi 300 iscritti. Per aumentare l’engagement di un profilo Instagram non c’è nulla di meglio che ottenere tanti commenti reali e di qualità da profili vicini al tuo target, almeno in termini di geo-localizzazione.

Anzianità del profilo Instagram

Attenzione perché i limiti su Instagram non valgono alla stessa maniera per tutti. Se il tuo profilo è stato appena creato, il rischio di incorrere in blocchi temporanei Instagram è assai elevato. Quindi il mio consiglio è cercare di andarci cauti all’inizio. Evita di superare le 60 mandate per singola operazione ed aumenta col tempo.

Quanto tempo? Beh, diciamo che anche in questo caso esiste una soglia abbastanza precisa. Dopo i sei mesi, Instagram termina la fase di monitoraggio più stringente e comincia a concederti qualche trasgressione in più.

Blocchi temporanei Instagram: come superarli

Ora che hai scoperto quali sono i limiti su Instagram, dovresti essere al riparto da brutte sorprese. Usare il condizionale è d’obbligo perché quella che stiamo affrontando non è una scienza esatta. Soprattutto perché il social cambia le regole e spesso miete vittime illustri. Immagino ricorderai il caso di Instagress.

Ma cosa fare quando si è incappati in un blocco di Instagram? La prima contromisura da adottare è quella di stoppare immediatamente l’attività. Se sei stato bloccato temporaneamente per l’operazione di follow, astieniti dal compierla per almeno 48 ore.

Quanto durano i blocchi?

La risposta è: dipende. I blocchi più leggeri sono quelli relativi ai likes. Un simile blocco solitamente si risolve nel giro di qualche ora, al massimo un giorno. Anche in questo caso la contromisura da adottare è arrestare l’attività incriminata.

Anche i blocchi relativi ai commenti non durano tantissimo e difficilmente superano le 24 ore. Vale sempre la stessa regola: fermarsi ed aspettare. Almeno un giorno. Ti invito nuovamente a prestare attenzione ai commenti. Non automatizzare quella parte di strategia se non vuoi rischiare di farti chiudere il profilo. Dico sul serio, non ne vale la pena.

Discorso a parte invece per i blocchi temporanei Instagram che riguardano l’attività di follow/unfollow. Non è un mistero che alla base di queste operazioni ci sia la strategia regina per aumentare i followers su Instagram.

Instagram in questo caso ci va giù pesante. Solitamente il blocco dura 24 ore. Tuttavia non è raro incappare in uno stop di 48 ore. Ho personalmente subìto un  blocco addirittura di una settimana. Avevo da poco cominciato ad offrire il mio servizio di gestione account Instagram. il cliente era molto importante e ti confesso che fu una settimana molto lunga e travagliata.

Allora feci quello che suggerisco sempre, smisi di effettuare qualsiasi tipo di operazione sul profilo e rimasi in attesa. Aspettare ed astenersi è sempre la strategia migliore quando si tratta di blocchi temporanei Instagram.

Come comportarsi dopo essere stati bloccati.

Se il blocco è stato particolarmente pesante, il mio suggerimento è riprendere l’attività con estrema prudenza, evitando di superare le 60 operazioni all’ora, quelle consentite dal regolamento di Instagram.

Dopo una settimana con il freno a mano tirato, potrai ricominciare a spingere sull’acceleratore. Ovviamente facendo tesoro dell’esperienza appena vissuta.

Quando aspettare non risolve il problema

Esistono rari casi in cui l’attesa potrebbe rivelarsi vana. Questo significa che hai davvero esagerato.

Il primo consiglio che ti posso dare è quello di contattare l’assistenza di Instagram e segnalare il problema. Mi raccomando, fallo solo se non stai attuando nessuna strategia sul profilo ormai da giorni.

Disattivare momentaneamente il profilo

Se anche dopo aver inviato la segnalazione all’assistenza il problema dovesse persistere, potresti adottare il provvedimento più drastico. Mi riferisco alla disattivazione temporanea del profilo Instagram.

Si tratta di un’operazione che puoi facilmente eseguire tramite desktop. Tranquillo, è un processo assolutamente reversibile. Disattivare il profilo Instagram per una settimana e riattivarlo, solitamente risolve il 90% dei problemi di un profilo.

Se anche questo non dovesse funzionare, ti suggerisco una bella scampagnata la Lourdes 🙂

Conclusioni sui blocchi temporanei Instagram

In questo articolo abbiamo scoperto cosa sono i blocchi temporanei su Instagram e come fare per superarli.

La strategia migliore è sempre l’attesa. Non tutti i blocchi sono uguali. Presta attenzione soprattutto a quelli causati da un’attività frenetica di follow/unfollow.

Mai automatizzare i commenti se non vuoi rischiare di essere bannato.

Se aspettare si dovesse rivelare vano, dopo avere inviato segnalazione del problema ad Instagram, l’ultima soluzione è quella di disattivare momentaneamente il tuo profilo.

Spero di avere soddisfatto tutte le curiosità. Domande, dubbi? Scrivimi nei commenti.

Alla prossima!

Condividi
Articolo precedenteHashtag migliori per Instagram: ti svelo la mia “formula magica”
Luca

Ho cominciato la mia avventura su Internet come blogger nel 2007. Mi sono occupato di progetti editoriali on line per diversi anni. In questi ultimi mesi mi sono dedicato completamente ad Instagram.

Attraverso il blog offro servizi di consulenza e di gestione accounts. Sono appassionato di SEO, Web Marketing e Social Media.

Insomma, tutto ciò che ruota attorno al web.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here